IL MONDO DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA

IL MONDO DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA

Stamani, nella sala Koch di Palazzo Madama, si è svolta la presentazione della Relazione Annuale 2017 dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Filomena Albano. Era presente il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Si tratta di un volume di 200 pagine che indaga a fondo la condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza non solo in Italia ma anche sul piano europeo e internazionale. In particolare la dottoressa Albano ha concentrato la sua attenzione sulle situazioni di marginalità vissute da questa categoria di cittadini: ragazzi ristretti in istituti di pena, figli di genitori separati, ragazzi fuori famiglia, minori stranieri non accompagnati, giovani coinvolti in atti di bullismo e alle prese con il web. I ragazzi coinvolti sono stati circa 8 mila con oltre un centinaio di strutture interessate tra scuole, centri di accoglienza, istituti di pena.

Dopo aver tracciato il bilancio delle attività svolte, la dottoressa Albano ha messo in luce alcune criticità su cui focalizzare l’attenzione delle istituzioni e del mondo degli adulti, riassumibili in dieci punti accompagnati da altrettante proposte:

  1. Affrontare l’emergenza educativa e introdurre la mediazione come materia scolastica
  2. Attivare una regia contro le povertà minorili che crescono;
  3. Definire livelli essenziali delle prestazioni dei diritti civili e sociali uniformi in tutta Italia
  4. Prevenire e contrastare le violenze sui minorenni
  5. Nominare quanto prima i tutori volontari e distribuire uniformemente sul territorio i minori stranieri non accompagnati
  6. Garantire diritti e affetti ai ragazzi fuori dalla famiglia di origine
  7. Aiutare i figli di genitori separati con la risorsa dei “Gruppi di parola”
  8. Affrontare i problemi legati alla salute mentale degli adolescenti
  9. Introdurre in Italia un ordinamento penitenziario minorile
  10. L’Autorità va ascoltata su atti e sulla formazione delle leggi in materia di infanzia e adolescenza

Tre temi sono stati sottolineati come urgenti:

  • La tutela volontaria
  • L’affido familiare e la continuità degli affetti
  • I diritti della Convenzione sull’Infanzia e l’Adolescenza riscritti dai bambini

“Non si tratta dell’ascolto dell’amico o del familiare” – dice la dottoressa Albano – “né dell’ascolto di un professionista. Si tratta di intercettare le richieste e i bisogni di bambini e ragazzi, tradurli in diritti e individuare le modalità per renderli esigibili, portando le istanze delle persone di minore età davanti alle istituzioni”.

 

Per chi fosse interessato a queste importantissime tematiche fornisco qui sotto il link dove trovare la relazione dell’Autorità

http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/338031.pdf

 

VOTARE M5S PER CAMBIARE ANCHE I COMUNI

VOTARE M5S PER CAMBIARE ANCHE I COMUNI

Scrivo questa nota a poche ore dalla chiusura di questa campagna elettorale che vede coinvolti oltre 700 comuni italiani e 7 milioni di elettori. Una campagna forse passata in sordina perché lo spazio mediatico è stato occupato dalle notizie sulla formazione del nuovo governo, una formazione non facile ne priva di colpi di scena. Ma alla fine è il risultato che conta: il Movimento 5 Stelle è al governo, esprimendo il Presidente del Consiglio – Giuseppe Conte – e uno dei due Vicepresidenti, carica ricoperta dal nostra leader Luigi Di Maio che ha saputo portare la nostra formazione ad essere la più votata alle scorse elezioni politiche del 5 marzo con quasi 11 milioni di preferenze.

Campagna elettorale in sordina. Ma non per questo meno importante. La prossima domenica sarete chiamati – nei comuni dove si vota – a scegliere le Amministrazioni che vi guideranno per i prossimi 5 anni. Direi che la scelta è abbastanza semplice. Se effettivamente pensate che occorra cambiare le politiche che hanno caratterizzato la vostra realtà locali non avete che un’unica scelta: votare Movimento 5 Stelle. Se preferite invece le vecchie strategie e i vecchi giochetti, allora potete votare una delle vecchie formazioni del passato. Oggi il Movimento 5 Stelle rappresenta una realtà forte e consolidata a cui gli elettori hanno assegnato il ruolo di cambiare l’Italia, anche scontrandosi con alcune resistenze che sono dure a morire. Allineare il vostro Comune in questa aria di rinnovamento è un compito che compete solo a voi. Per questo sento il dovere di rivolgere un appello pressante proprio mentre sono nelle piazze, insieme ai nostri candidati, tutta gente pulita, capace, onesta, incensurata, con storie professionali e con competenze non indifferenti.

Naturalmente una particolare segnalazione debbo fare per i candidati sindaci del mio collegio:

  • Patrizia Bellassai a Comiso
  • Carlo Cartier a Modica
  • Antonio Tringali a Ragusa
  • Paolo Nigro a Carlentini
  • Massimiliano Lo Presti a Francofonte
  • Sebastiano Alì a Palazzolo Acreide
  • Teresa Lauria a Priolo Gargallo 
  • Enzo Caschetto a Rosolini
  • Silvia Russoniello a Siracusa

A tutti loro va il mio in bocca al lupo. La certezza di avere in questo gruppo di candidati gente capace di impegnarsi per il benessere di tutti voi cittadini mi porta a chiedere di contrassegnare la prossima domenica il simbolo del Movimento 5 Stelle. Insieme all’Italia cambieremo anche i vostri Comuni.

LA PARATA DEL 2 GIUGNO

LA PARATA DEL 2 GIUGNO

Nella mattinata di oggi due giugno ho assistito alla Parata Militare che tradizionalmente ha luogo ai Fori Imperiali di Roma per la Celebrazione della Festa della Repubblica.

Quasi inutile dire che è stato un momento di forte emozione. Alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e dei Ministri che ieri hanno prestato giuramento, delle alte Autorità Militari, si sono avvicendati nella Parata i servitori della Patria che ogni giorno si prodigano per mantenere la sicurezza della nostra nazione. Impossibile citare tutti i reparti che si sono succeduti: dagli Alpini alla Brigata Folgore ma anche dalle Crocerossine ai Vigili del Fuoco. Un reparto, però, più degli altri, ha colpito più di tutti il cuore e l’immaginazione dei presenti ed è quello dei Bersaglieri – che vi propongo qui sotto nel breve video che ho registrato – oggi rappresentati dal 1° Reggimento di Cosenza comandati dal Colonnello Luigi Iorio: al suono delle celeberrime fanfare e al ritmo di 180 passi al minuto di corsa, hanno saputo esprimere bene l’idea del senso della patria e dell’appartenenza sotto un’unica bandiera, il nostro amato Tricolore.

Andando in giro un po’ per Roma mi è sembrato cogliere fra la gente un senso di grande attesa e di speranza per la nuova fase politica che ieri si è inaugurata con il giuramento del governo Conte. Faremo di tutto perché queste attese e queste speranze si traducano in fatti concreti in grado di migliorare realmente la vita degli italiani.
Viva la Repubblica Italiana!

Un Governo per l’Italia

Un Governo per l’Italia

In questi istanti sta giurando nelle mani del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, il governo Conte. Non posso non esprimere tutta la mia soddisfazione per questo momento che non è banale giudicare storico.

Dopo alcuni decenni avremo un governo che è l’espressione della maggioranza degli elettori italiani. Avremo persone che non vanno ad occupare semplicemente una poltrona più o meno prestigiosa. Piuttosto persone che, consce della grave crisi economica e sociale che attanaglia l’Italia, si prodigheranno per arrivare a un cambiamento così atteso e così desiderato.

La mia soddisfazione si raddoppia quando penso che alcuni dicasteri che sono di particolare importanza per il collegio che mi onoro di rappresentare in Senato sono affidati a persone nelle quali ho la massima fiducia oltre che essere amici personali.

Penso al Ministero del Lavoro che è stato assegnato al nostro leader Luigi Di Maio a cui ben presto sottoporrò le difficoltà attraversate, ad esempio, dalla nostra zona industriale: è di stretta attualità la vertenza Set che oggi sembra avere una, seppur parziale, schiarita; oppure la questione della soppressione del punto Inps di Augusta nella cui lotta per il mantenimento sono accanto al Sindaco Cettina Di Pietro.

Penso poi al Ministero della Salute, la cui titolare sarà la carissima amica Giulia Grillo. Ed anche al Ministero delle Infrastrutture, da cui dipendono alcune importanti decisioni riguardanti il porto di Augusta, che è retto da Danilo Toninelli, già mio capogruppo al Senato. E come non parlare del generale Sergio Costa, nuovo ministro dell’Ambiente, il quale ha avuto un ruolo fondamentale nelle indagini sulla ormai famigerata terra dei fuochi.

A queste care e rispettabilissime persone non chiederò favori. Chi mi conosce sa che non è per niente nel mio DNA. Piuttosto chiederò che vengano fatti valere i diritti dei cittadini dei territori di Siracusa e Ragusa. L’epoca dei favoritismi sta per tramontare. Si inaugura un’epoca in cui chi siede in questi scranni sarà al servizio dei cittadini, in cui chi ha incarichi di governo lo farà nell’ottica del bene e del meglio per la nazione.

Domani sarà la festa della Repubblica Italiana. Consentitemi di dire che quest’anno la si potrà vivere anche in un’ottica di speranza: quella di poter finalmente migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini.
E quindi auguri alla Repubblica e auguri agli Italiani.

Le consultazioni di Giuseppe Conte

Le consultazioni di Giuseppe Conte

Avranno inizio oggi le consultazioni per la formazione del nuovo governo guidato da Giuseppe Conte.


Dalle ore 12.00 – nella Sala Busti della Camera dei Deputati – il Presidente incaricato incontrerà le forze politiche presenti in Parlamento. I primi ad essere ricevuti saranno i delegati  di Liberi e Uguali e degli iscritti al gruppo misto del Senato, per poi proseguire con Fratelli d’Italia, Partito democratico, Forza Italia, Lega e in chiusura il  Movimento Cinque Stelle.

Un momento storico

Un momento storico

Luigi Di Maio – nella sala stampa del Quirinale dopo essere stato ricevuto dal Presidente della Repubblica – non ha esitato a parlare, a ragione, di momento storico. Si va velocemente verso la formazione del nuovo governo che, dopo decenni, avrà il consenso elettorale della maggioranza degli italiani. Il nome indicato al Capo dello Stato è quello di Giuseppe Conte, già nella squadra di governo presentata da Di Maio prima delle elezioni e quindi anche lui passato dalle urne e premiato con gli undici milioni di consensi elettorali ricevuti dal Movimento 5 Stelle.

 

Giuseppe Conte ha 54 anni ed è nato in Puglia. Rinomato avvocato civilista patrocinante in Cassazione, insegna Diritto Privato all’Università di Firenze e alla Luiss. Nel governo Di Maio avrebbe dovuto ricoprire la carica di Ministro della Pubblica Amministrazione. Tra le sue linee programmatiche c’erano la semplificazione della pubblica amministrazione e la promozione e la valorizzazione della cultura della legalità.

Il “contratto di governo” approvato dal Movimento 5 Stelle

Il “contratto di governo” approvato dal Movimento 5 Stelle

42.274 si e 2.522 no. Il 94% di coloro che hanno partecipato alla votazione on line sull’approvazione del Contratto per il Governo del Cambiamento si è espresso per la sua approvazione. Nonostante l’esiguo tempo a disposizione, grande è stata la partecipazione, 44.796 iscritti al Movimento. Il tutto è stato certificato dal Notaio che ha garantito la regolarità del voto.

Ora si passa alla fase operativa. Ci saranno le firme e poi si procederà alla formazione del governo. E sarà proprio questo governo, che abbiamo chiamato del cambiamento, a mettere in atto i punti del contratto. Sono presenti i nostri maggiori cavalli di battaglia. Innanzi tutto il reddito di cittadinanza contro la povertà e la disoccupazione. Anche gli anziani potranno godere di pensione – anch’essa denominata di cittadinanza – che li potrà fare vivere in maniera dignitosa. La legge Fornero sarà archiviata. Le pensioni d’oro saranno cancellate una volta per sempre. Non ci sarà più chi si arricchirà illecitamente sull’immigrazione. Le nostre imprese avranno meno oneri burocratici da sopportare ma soprattutto pagheranno meno tasse.

Contro questo contratto si sono schierati i poteri forti della finanza mondiale. Questo ci sta ad indicare che abbiamo intrapreso la strada giusta sebbene – proprio per l’opposizione dei burocrati, dei media vicini all’establishment e dei poteri forti – la strada da percorrere sarà in salita.

Ma non è il momento di avere paura. Anzi è proprio questo il momento del coraggio. Solo con una radicale cambiamento come quello da noi proposto, l’Italia si potrà salvare dall’altrimenti inevitabile declino.

 

Il Contratto per il Governo del cambiamento è consultabile qui:

Fai clic per accedere a contratto_governo.pdf

UN MESSAGGIO IMPORTANTE PER TUTTI da parte di #LuigiDiMaio

“Questo week end invito tutti gli attivisti del MoVimento 5 Stelle a colorare l’Italia di giallo e riempire le piazze di gazebo e banchetti che informano i cittadini sui punti del contratto di governo che stiamo per stipulare. I materiali verranno forniti a tutti i gruppi locali non appena il contratto sarà ultimato. Informo anche tutti gli iscritti del MoVimento, ai sensi dell’articolo 4 comma b dello Statuto del MoVimento 5 Stelle, che nei prossimi giorni saranno chiamati a votare online su questo contratto di governo. La data e l’orario definitivi saranno comunicati non appena avremo il contratto ultimato, e credo che ormai sia questione di ore.

E’ il momento del coraggio. Non un passo indietro!”

I gas serra

Oggi ho partecipato – nella Sala Stampa della Camera dei Deputati – a questa importante Conferenza Stampa di presentazione dell’Inventario Nazionale delle Emissioni e le Proiezioni dei Gas Serra al 2030.
Lo studio è stato effettuato dall’ISPRA che è l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.

Come si sa, i gas serra sono tra i maggiori responsabili delle variazioni climatiche, in particolare dell’aumento della temperatura terrestre globale. Passi in avanti sono stati fatti: nel 2016 si è osservato in Italia una diminuzione delle emissioni del 17,5% in meno rispetto al 1990 (-1,2% rispetto al 2015) per un totale 90 milioni di tonnellate di Co2 equivalente. Tale riduzione è da attribuire alla crescita della produzione di energia da fonti rinnovabili e all’incremento dell’efficienza energetica, specialmente in ambito industriale. Tuttavia questi risultati non sono ancora sufficienti per scongiurare i pericoli che molti scienziati paventano. Anche il Parlamento è quindi chiamato a vigilare sul rispetto di quanto convenuto nei trattati di Kyoto e di Parigi.